lunedì 5 gennaio 2015

Capodanno 2015 a Prizzi (Pa)





















Nell'immagine, sulla destra, è visibile il cono imbiancato dell'Etna.



Foto di Fabiuss

Questo Blog consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", con obbligo di citazione della fonte (http://passeggiateitaliane.blogspot.it/).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

mercoledì 31 dicembre 2014

Palermo: Capodanno 2015 sotto la neve

Monte Cuccio




Via Regione Siciliana Sud Est



Valle dell'Oreto



Valle dell'Oreto



Via Verdinois


Chiesa dell'Annunciazione del Signore
al Villaggio Santa Rosalia

Via Pier Luigi Deodato



Neve sui fiori



Neve sui vetri



Largo Raiti



Via Regione Siciliana Sud Est



Monte Grifone



Neve al parcheggio


 
Monte Caputo


 
Valle dell'Oreto e montagne della Conca d'Oro



Foto di zio-silen

Questo Blog consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", con obbligo di citazione della fonte (http://passeggiateitaliane.blogspot.it/).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.

venerdì 12 settembre 2014

"VIA CRUCIS" a Chiaramonte Gulfi


I Stazione: "Gesù condannato a morte"

Prestigiosa opera scultorea presso il Santuario della Beata Maria Vergine di Chiaramonte Gulfi (RG); chiesa risalente al tempo di Manfredi Chiaramonte (Sec. XIV): una "Via Crucis" realizzata dal grande artista contemporaneo Nunzio Di Pasquale. L'opera è rimasta incompiuta per la prematura scomparsa dell'insigne autore avvenuta il 13 aprile 2003: manca l'ultima Stazione, mentre la XIII è stata plasmata  dalla talentuosa mano di A. Jacono.
Nunzio Di Pasquale - oltre mezzo secolo dedicato alla scultura, alle incisioni, al disegno (poesia estetica) -  pur schivo ed introverso, con grande umiltà e quasi sottovoce seppe ritagliarsi uno spazio di rilievo nel panorama artistico ibleo e non solo.
Fu Scultore Ufficiale dell'Accademia dei Sartori di Roma;
Tra le tante opere permeate di genio e visionarietà futuribile ricordiamo:

- "Isola Spaziale" di Piazza Malta a Marina di Ragusa;
- "L'atleta" già presso Stadio di Villa Margherita;
- "La Città" presso il Circolo Aniene, Roma;
- "L'Ascesa" di Piazza degli Studi a Santa Croce Camerina;
- "Giovan Battista Hodierna" presso la sede del Comune di Ragusa;
- "Padre Scopetta" sul Ponte Vecchio, nei pressi del Tribunale.
- "La Fatina" presso la Scuola di Via Carducci;
- "Paesaggio cosmico" presso edificio scolastico di Marina di Ragusa;
Altre bellissime opere si possono ammirare in Via Archimede, in Via G. Di Vittorio, in Piazza Santa Domenica ecc. ecc..
Tantissime le collezioni private che possono vantare i pregiati lavori del Di Pasquale (mie foto di alcune opere dell'artista ragusano si possono visionare sul Blog "Passeggiate in immagini" nei post del  26 ottobre 2013, del 5 novembre 2013 e del       
Nato a Caltagirone nel 1930, il maestro operò prevalentemente a Ragusa (dove visse e morì) e provincia, spingendosi sino a Singen in Germania,  Malta, Roma, Milano, Pisa, Bari, Palermo, Siracusa, Messina, Caltagirone, Patti (Me) con le sue personali; sue opere sono state esposte anche a Parigi, Londra, Dubrovnik, Venezia, Padova, Monza; ovunque riscuotendo  apprezzamenti e premi.

Hanno detto di Lui:

* "Di Pasquale proviene da rigido studio delle forme, nella tradizione. E' un realistico disegnatore. Ma ciò che conta, artista nel futuribile dell'arte" (Giovanni Selvaggi- Critico d'arte, Roma).

* "Nunzio Di Pasquale [...] nell'ultimo ventennio del '900 si è dedicato vieppiù a coagulare nell'alluminio, nello zinco, nel bronzo, nell'acciaio inox il suo immaginario spaziale in lavori verticali (serie Strutture spaziali) e orizzontali (serie Isole spaziali, serie Isole spaziali plananti, serie Le città), questi ultimi riferiti a paesaggi, città, isole, anche di grandi dimensioni, tanto che in alcuni casi sono stati ideati per spazi pubblici, come per La Città, acciaio di 6 metri per 3 sistemato presso la Sala trattenimenti "Al 318" di ragusa, o per l'Isola spaziale (1987), acciaio di ben 11 metri di altezza e 16 di larghezza che s'innalza tra le palme di Piazza Malta sul lungomare di Ragusa. [...] Tuttavia, nonostante tutto, tali sculture emanano un quid di grezzo che ne corrode, è il caso di dire, dall'interno l'assunto avveneristico, per cui più che città spaziali appaiono come fossili di agglomerati post-industriali, appunto corrosi". (Giorgio DI Genova- Critico d'arte, Roma).

*" ... seleniche città... frutto di un'arte post-industriale o meglio di un'arte che vede l'uso e la rielaborazione dei materiali di rifiuto in una rinnovata capacità plastica" "assometriche interruzioni dello spazio urbano, di quello ideale o della memoria" "blocchi o moduli che si insinuano tra loro armonizzando nei piani ora circolari ora verticalizzandosi con impennate, con spikes minutissimi come aghi che fendono l'atmosfera" (Gerbino).

* "Le sculture di Nunzio Di Pasquale si inseriscono in questa concezione simbiotica di rapporto tra opera d'arte contemporanea e spazio urbano storico. Le sue sculture si basano su una poetica rappresentativa della condizione moderna che si estrinseca nelle proposte di forme e materiali che producono dinamismo e frammentarietà; temi propri della condizione della società contemporanea. La materia nuda e fredda dell'acciaio viene resa viva e pulsante producendo forti emozioni, la ricchezza di segni e frammenti ben si inserisce nella ricchezza formale dello spazio architettonico dei nostri centri storici". (Arch. Gaetano Manganello).

* "... geometrie aeree [...] adesso tendono ad espandersi, a dilatarsi sino ad addossarsi l'una all'altra, a fondersi quasi in un'unica massa appena modulata da un lieve plasticismo, o irrigidite e come percorse da brividi, costituzionalmente giacomettiane, si caricano dell'ideologia del quotidiano e ci restituiscono tutta l'afflizione di una greve esistenzialità: l'uomo-massa, la problematica dell'incomunicabilità, l'alienazione diventano i temi sentiti dall'artista".  "... lavora con alacrità, passando dal rame al bronzo all'alluminio senza nulla togliere, nel frattempo, all'antica e sempre fervida capacità del disegnatore-ritrattista che predilige la plasticità delle forme e della figura". " Gli anni settanta [...] le sue opere vanno acquistando una sempre più evidente carica ideologica: non poteva mancare il problema della quotidianità inserita nella realtà tecnologica, cioè il motivo dell'oppressione dell'uomo ad opera della macchina e delle false esigenze che essa crea nel momento in cui, infida, si offre all'uomo e lo assoggetta con le illusioni proprie delle civiltà avanzate". " [...] la rappresentazione di una umanità che non capisci se allo stato primordiale o crepuscolare". (Giovanni Occhipinti).



 II Stazione: "Gesù caricato della croce"



 III Stazione: "Gesù cade la prima volta"



 IV Stazione: "Gesù incontra la sua SS. Madre"



 V Stazione: "Gesù aiutato dal cireneo"



 
 VI Stazione: "Veronica asciuga il volto di Gesù"



 VII Stazione: "Gesù cade la seconda volta"



 VIII Stazione: "Gesù consola le pie donne"



 IX Stazione: "Gesù cade la terza volta sotto la croce"



 X Stazione: "Gesù spogliato delle sue vesti"



 XI Stazione: "Gesù inchiodato alla croce"



 XII Stazione: "Gesù muore sulla croce"



 XIII Stazione: "Gesù è deposto dalla croce"



 XIV Stazione: "Gesù deposto nel sepolcro"



 XV Stazione: "Resurrezione di Gesù"


 
 Santuario della Beata Maria Vergine di Chiaramonte Gulfi





Autoritratto del 1951 dello scultore Nunzio Di Pasquale.




Foto di zio-silen

Questo Blog, fermo restando quanto puntualizzato nelle "avvertenze", consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", con obbligo di citazione della fonte (http://passeggiateitaliane.blogspot.it/). Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente

giovedì 7 agosto 2014

sabato 5 luglio 2014

Arizona





























Foto di Fabiuss


venerdì 20 giugno 2014

Mondello (pA)












 










Foto di zio-silen


Questo Blog consente la copia di proprie foto e scritti per uso esclusivamente personale e "non commerciale", con obbligo di citazione della fonte (http://passeggiateitaliane.blogspot.it/).
Si ricorda che la violazione del diritto d'autore (copyright) è perseguibile legalmente.